info@almaartis.it |  Prof. Dario Matteoni +39 392 8826137

Alma Artis Blog

L'nformazione accessibile non ha bisogno di alternative

[fa icon="calendar"] 30/07/2018 / by Enrico Bisenzi

Enrico Bisenzi

 

scaccoalweb_2018-07image

Bando alle alternative! Se una pagina Web o una qualsivoglia informazione digitale è strutturata propriamente le alternative non sono proprio necessarie.

Beh, l’estate è tempo di provocazioni ed allora ne lancio una grossa…


 …dopo aver imparato come aggiungere !alternative testuali alle immagini di Facebook così come di Twitter, preso nota dell’upgrade delle linee guida del W3Consortium, studiato esempi di ebook di tipo epub(3) particolarmente utili nei suoi tratti accessibili per le persone dislessiche grazie al possibile utilizzo dell’audio in sincrono con testo evidenziato, giocato con i nuovi strumenti di AUDIT accessibilità di Chrome così come di Firefox attivabili attraverso funzioni di ispezione-analizza elemento, curiosato su come ottimizzare una pagina Web per una navigazione solo da tastierasono arrivato alla conclusione che:


nella maggior parte dei casi fornire un’informazione accessibile di per sé è molto meglio che non ricorrere ad alternative accessibili per la medesima!


Mi spiego con un paio di esempi: per il blog https://urbannaturetoscana.wordpress.com – che mi diletto ad aggiornare con le mie esperienze di tipo !URBAN NATURE – ho scelto di NON dotare di alternative testuali le immagini che inserisco ma bensì chiamarle in maniera significativa ed assegnare al testo dell’articolo in cui sono ospitate l’equivalente valore comunicativo; in un ebook di tipo epub (3) che sto approntando ho scelto di non adottare alternative testuali tipo VTT (VIDEO TEXT TRACKS) oppure LINK a trascrizioni equivalenti dell’audio di riferimento ma bensì riportare le medesime trascrizioni in coda all’audio stesso aumentando in entrambi i casi la complessità dell’offerta comunicativa ma al tempo stesso semplificando la navigabilità dell’interfaccia – con un po’ di sforzo in maniera gradevole – ed accontentando così le esigenze di TUTTI in un sol colpo.
Quello che voglio dire in definitiva è che se abbiamo la capacità di approntare informazione digitale esaustiva e direttamente interpretabile da persone con diverse capacità sensoriali o cognitive probabilmente risparmiamo anche tempo a studiare ed applicare ALTERNATIVE che poi sono interpretate dagli ausili in maniera sempre diversa e quindi decisamente poco UNIVERSALE.


ENRICO per finire suggerisco una sana lettura estiva in tema: Didattica senza barriere

POST SCRIPTUM - INUTILE DIRE CHE UN VERO SEO (SEARCH ENGINE OTMIZATION) WHITE HAT NON PUÒ CHE TRARRE ENORMI VANTAGGI DA QUESTO TIPO DI APPROCCIO PER IL SUO LAVORO emotic_ammicco (FACCINA CHE AMMICCA SORRIDENTE)

 

Scarica GRATIS  Scacco al Web:  le ultime tendenze della Comunicazione Digitale 

 

Topics: comunicazione, Digitale, informazione, Accessibilità, navigazione, web

Enrico Bisenzi

Written by Enrico Bisenzi

Nato a Firenze (classe 1967) comincia a lavorare appena ventenne con enti di ricerca (CNR) ed Università sperimentando la rappresentazione, classificazione e conservazione dell’allora (anni ‘90) emergente comunicazione digitale sul Web. Diventa quindi naturale orientare parte della propria attività professionale verso i motori di ricerca e la loro capacità di reperibilità, ma anche rappresentazione e conservazione dell’informazione digitale collaborando con aziende private di rilievo nazionale ed internazionale. Cerca di trasmettere le competenze acquisite insegnando in numerosi enti formativi ed accademie approdando all’Alma Artis di Pisa con l’idea di istituire un master sulla conservazione e il restauro dei Beni Digitali.